Visto dalla Bulgaria. Le origini della pozione magica di Daesh : il Captagon

Visto dalla Bulgaria. Le origini della pozione magica di Daesh : il Captagon

Alexandre Lévy

Il Captagon, la droga utilizzata dagli attivisti dell’organizzazione dello stato islamico ISIS o Daesh, sarebbe prodotta in Bulgaria, in un laboratorio della NATO. Nel mese di maggio 2015, i giornali bulgari si sono interrogati sul problema.

[Rassegna stampa originariamente pubblicata l 28 MAGGIO 2015] Per la stampa di Sofia, la Bulgaria si è trovata, ancora una volta, nel cuore di un “scandalo internazionale“. Tutti i mezzi di comunicazione hanno trasmesso il contenuto di diversi documenti recenti i cui autori dicono che abbiano “incrinato i jihadisti“.

La crudeltà – come la determinazione – dei combattenti di Daesh sarebbe spiegata dalla loro assunzione di una droga vietata, il Captagon. E che sarebbe prodotta in Bulgaria dal 2011 in un “laboratorio dell’Alleanza atlantica“, come dichiarato nella agenzia di stampa russa Ria Novosti. Il giornale online Tunisia Digitale e l’agenzia di stampa cubana Prensa Latina vanno nella stessa direzione.

Ria Novosti, la “pozione del terrore” ha giocato un ruolo importante nella “primavera araba”, il suo uso, spiega in parte l’entusiasmo delle “folle a Tunisi, Egitto e Libia.” L’agenzia ricorda, come molti altri media russi, fanno una domanda che non è mai stata motivata in modo indipendente: il Captagon è stato distribuito anche tra i manifestanti in piazza Maidan (Kiev), ed è stato utilizzato anche delle forze armate ucraine come stimolante durante le operazioni nella Ucraina orientale.

“Menzogna”

Vietato dal 1986, la molecola del Captagon (il suo nome medico è fenetillina) è un potente psicotropo, riconosciuto come fornitore di un tono senza pari disinibisce e aiuta a superare la paura, la fatica e il dolore, aumenta anche le prestazioni sessuali. Ciò che attacca con il contenuto di molte testimonianze oculari che descrivono i combattenti di Daesh in trance, o anche “totalmente drogati.”

Contattato dal quotidiano 24 Tchassa , il Ministero della Difesa bulgaro, però, ha negato l’esistenza di qualsiasi “laboratorio” della NATO nel paese:

L’Alleanza Atlantica è un’organizzazione collettiva di difesa, della quale la Bulgaria è una parte, ma la produzione di Captagon come qualsiasi altri prodotti psicotropi non fanno parte delle attività o gli obiettivi dell’organizzazione.

Allertato dal quotidiano Vsekiden, un laboratorio che lavora per la difesa esiste presso la facoltà di chimica di Sofia, si prende cura di testare i vari tessuti per fare le uniformi. “Questa è una palese menzogna“, ha concluso l’ex ministro della Difesa Nikolay Tsonev.

La produzione industriale

Tuttavia, la Bulgaria ha una lunga storia con il Captagon , il regime comunista ci aveva visto una miniera d’oro. Nei primi mesi del 1980, Sofia importava piccole quantità di Captagon dalla Germania (Ovest) prima di intraprendere la propria produzione, questa volta su scala industriale – e illegale.
I ricavi sono stati alimentati dalla valuta di un paese sempre più esangue.

Dopo la caduta del Muro nel 1989, i canali e talvolta i siti produttivi sopravvivono per molti anni.
Dietro la “privatizzazione“, di questo traffico vi è la creazione dei principali gruppi mafiosi del paese e di una crescita enorme fino all’entrata della Bulgaria nell’Unione europea nel 2007. Da allora, secondo gli esperti, la produzione si è spostata verso il Medio Oriente e, dal 2011, in particolare in Siria dove si è fuori controllo. Ma un esperienza bulgara in materia continua. Dalle principali comuni piante farmaceutiche, “esperti” bulgari viaggiano nel mondo arabo monetizzando le proprie competenze. Uno di loro, di 47 anni, è stato arrestato nel novembre del 2014 in Libano. Secondo il quotidiano Dnevnik sarebbe uno dei migliori attori del settore nella produzione di queste droghe.

http://sadefenza.blogspot.com/2017/06/visto-dalla-bulgaria-le-origini-della.html

FONTE: Visto dalla Bulgaria. Le origini della pozione magica di Daesh : il Captagon