Soffre di stitichezza, si infila un’anguilla nel sedere per curarla

Sappiamo bene che con la nostra salute non bisogna scherzare, per nessun motivo, e in nessun caso, anche se sembra banale, bisogna affidarsi ai rimedi fai-da-te. nonostante questo un uomo cinese, neppure giovanissimo tra l’altro perché aveva 49 anni, ha pensato di risolvere un problema che può diventare pesante come la stitichezza in un modo davvero molto particolare, cioè infilandosi un’anguilla nel sedere. La logica certo non brilla in questa situazione, visto soprattutto come è andata a finire (per fortuna non in modo tragico), ma andiamo con ordine e cerchiamo di capire perché.

La Cina è un paese dove nonostante la cosiddetta “medicina occidentale”, cioè la nostra, sta sempre più prendendo piede, in realtà da alcune persone, specialmente quelle che vivono nelle campagne, è ancora mal vista a favore invece delle loro terapie storiche, cioè la medicina tradizionale cinese che, in certi casi, si è effettivamente vista essere avanti secoli rispetto alla medicina occidentale. In alcuni ma non in tutto e certi rimedi, se non servono assolutamente a nulla, addirittura possono essere dannosi per l’organismo di chi li pratica.

L’uomo cinese, in particolare, non riusciva ad andare in bagno da giorni, e questo lo portava chiaramente a stare male, molto male. Nello specifico, mal di pancia e scarso appetito erano diventati la regola, dopo diversi giorni, e così ha deciso di rivolgersi all’ospedale (in Cina non esiste il medico di base). I dottori gli hanno fatto un’ecografia, dalla quale è risultato chiaro quale fosse il suo problema: era un occlusione intestinale, ovvero un corpo estraneo all’interno dell’intestino che non poteva essere tolto con altri metodi che non fossero l’operazione chirurgica; così gli hanno dato appuntamento per effettuarla, alcuni giorni dopo.

Ma lui, che evidentemente non si fidava di qualcuno che lo avrebbe tagluizzato, ha pensato di risolvere in un altro modo: ha preso un’anguilla, viva, e se l’è messa all’interno dell’apertura anale, inserendola all’interno mentre l’animale continuava a dimenarsi. La sua logica era che se l’anguilla si fosse spinta dentro avrebbe mangiato il corpo che causava l’occlusione, e in questo modo lui sarebbe tornato sano e avrebbe ottenuto nuovamente la sua regolarità.

Ovviamente così non è stato, e lui è stato costretto a tornare in ospedale con molta più urgenza rispetto alla volta precedente. È stato operato e nell’occasione gli sono stati tolti sia l’occlusione che, ovviamente, l’anguilla, che per fortuna non aveva causato danni irreparabili al suo intestino e nel frattempo era morta. Adesso l’uomo, per fortuna, sta bene, ma i dottori hanno deciso comunque di rendere pubbliche le immagini dell’intervento: sperano che, in questo modo, qualcuno vedendole non si faccia venire la voglia di risolvere i propri problemi con rimedi medici fai-da-te, ma si affidi sempre alla medicina, per evitare danni ulteriori.

FONTE: Soffre di stitichezza, si infila un’anguilla nel sedere per curarla