Come il governo degli Stati Uniti falsifica il racconto

Come il governo degli Stati Uniti falsifica il racconto
Ha la Siria utilizzato effettivamente armi chimiche?
PHILIP GIRALDI

La storia ordierna sulle armi chimiche suona come abbiamo sentito altre volte, nel mese di agosto 2013 è stata ben poco convincente. Lo scetticismo, sulle affermazioni della Casa bianca che sostiene Damasco abbia usato un arma chimica , il 4 aprile , contro i civili nel villaggio di Khan Sheikhoun, nella provincia di Idlib. Poco dopo l’incidente più recente, il presidente Donald Trump, forse traendo le sue informazioni dai notiziari televisivi, di colpo ha dichiarato che il governo del presidente Bashar al-Assad aveva ordinato l’attacco. Egli ha anche osservato che l’uso di prodotti chimici ha “superato molte linee rosse” e ha lasciato intendere che Damasco è ritenuto il responsabile. Ventiquattro ore dopo arriva la punizione sotto forma di lancio di 59 missili da crociera diretti contro la base aerea siriana di Sharyat. Il numero di vittime, se del caso, rimane poco chiaro e la base stessa ha subito solo danni di lieve entità tra l’altro molti dei missili hanno mancato il loro obiettivo. L’aggressione fisica è seguita a un attacco verbale, dove l’Amministrazione Trump incolpa la Russia per la protezione di al-Assad e chiede che Mosca interrompa la sua alleanza con Damasco se vuole ristabilire buone relazioni con Washington.

I media, guidati dai soliti burattinai neoconservatori, hanno applaudito l’amore per il duro marchio di di Trump contro la Siria, Damasco non aveva alcun motivo di mettere in scena un attacco del genere, mentre i cosiddetti ribelli avevano molto da guadagnare. L’escalation della guerra non serve ad alcun interesse degli Stati Uniti e in realtà danneggia le prospettive per l’eliminazione di ISIS in qualunque momento. I liberali interventisti del Partito Democratico si sono uniti con i senatori John McCain, Lindsay Graham e Marco Rubio per celebrare l’attacco con i missili da crociera e la dura retorica . Il deputato democratico Tulsi Gabbard uomo con principi eminenti e ragionevole, ha chiesto la prova di colpevolezza siriana, dicendoFa arrabbiare e mi rattrista che il presidente Trump abbia ascoltato il consiglio dei falchi che hanno sostenuto il cambio di regime illegale con la guerra per rovesciare il governo siriano. Questa escalation è miope e porterà a più morti civili, più rifugiati, il rafforzamento di al-Qaeda e altri terroristi, e il confronto diretto tra gli Stati Uniti e Russia, che potrebbe portare a una guerra nucleare. Questa Amministrazione ha agito avventatamente senza aver cura o considerazione delle gravi conseguenze dell’attacco degli Stati Uniti contro la Siria senza attendere le prove dalla scena del avvelenamento chimico.” Per la pena che fa, è stato diffamato dai membri del suo stesso partito , che hanno chiesto le sue dimissioni .

Altri membri del Congresso, tra cui i senatori Rand Paul e Tim Kaine, hanno chiesto il voto del Congresso per autorizzare l’entrata in guerra, sono stati ignorati o deliberatamente emarginati. Ciò significa che gli Stati Uniti hanno commesso un crimine di guerra contro un paese con il quale non è in guerra e lo ha fatto ignorando l’articolo 2 della Costituzione, che concede al Congresso il potere esclusivo di dichiarare guerra. Hanno anche omesso di stabilire il casus belli che la Siria rappresenta in una sorta di minaccia per gli Stati Uniti.

Quello che è divenuto chiaro, a causa dell’attacco degli Stati Uniti e le sue conseguenze, è che il reset generale con la Russia è diventato inimmaginabile, e significa che un accordo di pace per la Siria è per ora irraggiungibile. Questi ha anche fatto sì che i ribelli contro il regime di al-Assad saranno autorizzati, forse volutamente alla messa in scena di “incidenti” chimici per dare la colpa al governo di Damasco e manipolare l’opinione pubblica internazionale. ISIS, che vacilla prima dell’attacco di rappresaglia, gli è stata data tregua dal governo degli Stati Uniti che sono impegnati a sradicarla. E Donald Trump, ha rinnegato i suoi impegni della campagna elettorale, per evitare un coinvolgimento più pressante nelle guerre in Medio Oriente e ricucire con Mosca.

Ci sono stati due documenti centrali relativi ai presunti incidenti siriani con armi chimiche nel 2013 e 2017, si leggono entrambi nei comunicati stampa. Si riferiscono entrambi a un consenso all’interno della comunità di intelligence degli Stati Uniti (IC) esprimono “fiducia” ed “elevata sicurezza” quanto riguarda le loro conclusioni, ma nessuno dei due è contributo del direttore della National Intelligence, e sarebbe appropriato se l’IC avesse in effetti il consenso. Ma. Né il direttore della National Intelligence, né il direttore della CIA erano presenti in nella foto che mostra la squadra della Casa Bianca che delibera sulla Siria. Entrambi i documenti giustificativi sull’attacco missilistico degli Stati Uniti sono stati, infatti, stranamente messi fuori dalla Casa Bianca, il che suggerisce che sono stati messi insieme in fretta e furia per sostenere una decisione politica sull’uso della forza che era già stata presa antecendentemente ai fatti.

I due documenti forniscono molte informazioni circostanziate, ma poche in termini di prova reale. Nel 2013 la versione di Obama della “Valutazione del governo sull’uso da parte del governo siriano di armi chimiche, del 21 agosto 2013,” è stato criticato quasi immediatamente quanto stabilito, poiché non c’erano spiegazioni alternative circa l’origine degli agenti chimici che avrebbero ucciso più di mille le persone dentro e fuori la città di Ghouta. La versione Trump del 2017 sull’ipotetico “ Uso di armi chimiche del regime di Assad del 4 aprile 2017 ,” e allo stesso modo sotto il fuoco di numerose parti. Generalmente l’affidabile giornalista Robert Parry sta segnalando che l’intelligence dietro le rivendicazioni della Casa Bianca proviene in gran parte dai satelliti, anche se nulla è stato rilasciato in riserva alla conclusione che il governo siriano fosse dietro l’attacco, un’omissione strana, come tutti sanno le capacità satellitari non sono generalmente considerate una fonte o metodo qualificato. Parry cita anche il fatto che ci sono teorie alternative su ciò che è accaduto e il perché, alcuni dei quali sembrano provenire dall’intelligenza e dalla comunità della sicurezza nazionale, che erano in parte preoccupati per l’affrettato giudizio della Casa Bianca. Il Professore del MIT Theodore Postol, considerato un esperto sulle munizioni, ha messo in dubbio il resoconto del governo su quanto è avvenuto a Khan Sheikhoun tramite una dettagliata analisi delle prove disponibili. Egli ritiene che l’agente chimico sia stato tirato da terra, e, non da un aereo, suggerendo che si trattava di un attacco iniziato dai ribelli per farlo apparire come se fosse stato causato da una bomba siriana.

Nonostante le difficoltà, “Fidati di me”, dice Donald Trump. I russi e siriani chiedono un’indagine internazionale sul presunto incidente con armi chimiche, ma col passare del tempo la capacità di discernere ciò che è accaduto diminuisce. Tutto ciò che è indiscutibilmente noto, a questo punto è che la Syrian Air Force ha attaccato un obiettivo a Idlib e una nube di sostanze chimiche tossiche è stato in qualche modo liberata. Il gruppo terroristico di al-Ansar (affiliato ad al-Qaeda) ha il controllo della zona e beneficia grandemente dalla narrativa ricorrente occidentale. Se fossero loro stessi i ​​realizzatori effettiva dell’attacco, non c’è dubbio che la pulizia e la riconfigurazione del sito sostiene quanto si sta promuovendo, e che sia acriticamente accettata sia dai media mainstream che da un certo numero di governi. Gli Stati Uniti devono fare del loro meglio per distruggere qualsiasi richiesta che sfida le ipotesi che sono già avvenute . L’Amministrazione Trump sta minacciando di voler fare di più per rimuovere Bashar al-Assad e ogni americano dovrebbe accettare il fatto, che il residente della Casa Bianca scoprirà come molti altri presidenti prima di lui, che la guerra è un buon affare. Egli continuerà a cavalcare l’onda dello sciovinismo che si è rivelato essere la sua salvezza, invertendo di misura la pubblicità negativa che persegue la nuova amministrazione.

FONTE: Come il governo degli Stati Uniti falsifica il racconto