10 curiosità interessanti che non conoscevi sui satelliti artificiali!

Tutti sappiamo che, con le tecnologie di oggi, il cielo sopra alle nostre teste non è più composto solamente da elementi naturali, ma anche da qualcosa di artificiale: sono i satelliti, che permettono di ottenere un grandissimo numero di informazioni relative al nostro pianeta in ogni momento. Si tratta di sistemi davvero interessanti, e quasi incredibili, però sono pochissimo conosciuti: in questa lista vogliamo quindi riportare 10 curiosità davvero interessanti, che vi stupiranno, su questi incredibili ritrovati di tecnologia che continuamente sfrecciano, a velocità altissima, sopra alle nostre teste.

10. L’archeologia spaziale

L’archeologia è una delle discipline più “terrene” a cui spesso si pensa, immaginando gli archeologi come scopritori di antiche rovine. In realtà, i satelliti ci danno più scoperte archeologiche rispetto alle persone: lo studio delle foto da loro scattate, infatti, ha permesso di scoprire solamente in Egitto 17 piramidi, 1000 tombe e 3000 insediamenti antichi in questo paese; più reperti di quanti le persone ne avessero scoperti nel giro di moltissimi anni sono quindi dovuti ai satelliti.

9. I satelliti evitano i meteoriti

Dall’inizio della storia dei satelliti, quelli mandati in orbita sono più di 8000. Tuttavia, di questi solamente uno è stato distrutto da un meteorite: i satelliti sono infatti programmati per riconoscere la posizione di questi corpi celesti e di evitarla, così da non venire distrutti da scontri accidentali. Questo sistema sembra funzionare particolarmente bene grazie alle conoscenze spaziali che abbiamo a disposizione oggi.

8. Il satellite pensato per il futuro

Esiste in orbita un satellite destinato, per volontà umana, a cadere sulla Terra in un lontano futuro. Secondo i calcoli, questo satellite rimarrà in orbita per 8,4 milioni di anni, avvicinandosi (molto lentamente) sempre di più al nostro pianeta e arrivando, in questo modo, a schiantarsi. All’interno di questo satellite c’è una capsula che contiene informazioni sulla vita in questi anni, destinata alle ipotetiche civiltà del futuro che potrebbero aver perso tutte le informazioni che ci riguardano.

7. I satelliti per il meteo sono pochissimi

Se avete un servizio meteo preferito, magari su internet, sappiate che tutti i servizi prendono le informazioni meteo da pochissimi satelliti nel mondo, che valutano la situazione attuale. Il motivo per cui le previsioni sono leggermente differenti una dall’altra è che queste informazioni vengono analizzati dai fisici del servizio meteo che fanno, loro, le previsioni: i dati di partenza sono gli stessi per tutti, mentre le singole interpretazioni delle informazioni possono variare.

6. L’esperimento cinese di distruzione dei satelliti

wikimedia commons

Alcuni anni fa, la Cina ha provato a sperimentare la precisione di un missile lanciandolo in orbita su uno dei loro satelliti, che è stato colpito e distrutto. Nonostante questo esperimento fosse interno, adesso ci sono più di 2000 detriti provenienti da quel satellite che si diffondono nello spazio, diventando pericolosi per tutti gli altri satelliti: una collisione, infatti, potrebbe distruggerli o danneggiarli anche molto gravemente.

5. Le Stazioni Spaziali sono a tutti gli effetti satelliti

Rientrano nella definizioni di Satellite anche le Stazioni Spaziali, tra cui la celebre Stazione Spaziale Internazionale. Infatti, questo è a tutti gli effetti dei corpi artificiali che ruotano intorno alla Terra per ottenere informazioni, esattamente come tutti gli altri satelliti; l’unica differenza è che la Stazione è molto più grande degli altri satelliti, e che è stata creata per poter ospitare delle attività umane.

4. I satelliti hanno del carburante

Nonostante i satelliti vengano portati in orbita da razzi e siano messi nella posizione corretta per muoversi sfruttando il campo gravitazionale della Terra, in realtà ogni tanto devono essere fatte delle correzioni della loro posizione. Per questo motivo, i satelliti (oltre ai pannelli solari che li fanno funzionare) hanno un serbatoio di carburante, che non è molto. Questo viene utilizzato poco, ma quando si esaurisce, di solito dopo molti anni, il satellite diventa a tutti gli effetti “Spazzatura Spaziale”, perché non può essere più controllato in alcun modo.

3. I satelliti sono ecologici

A parte il carburante necessario per quello che abbiamo visto nel punto precedente, i satelliti sono completamente autosufficienti. Le tipiche ali del satellite, infatti, non servono per volare ma per vedere il sole, che fornirà loro l’energia elettrica necessaria a trasmettere e a ricevere informazioni. Questi pannelli solari ruotano continuamente, e in questo modo permettono di garantire sempre l’energia necessaria per il corretto funzionamento del satellite.

2. Quanto costa un satellite?

Come si può immaginare, i satelliti sono molto costosi, e anche se il prezzo dipende essenzialmente dalla funzione che avrà questo satellite, sarà alto (diverse centinaia di milioni di euro per i satelliti “principali”). I costi sono dati dai componenti, dalla tecnologia, dal costo per il lancio, dal razzo che li trasporterà in orbita, dal suo carburante; è previsto anche un costo per l’assicurazione, visto che in diversi casi il lancio dei satelliti non è andato a buon fine e il satellite è finito distrutto ancora prima di iniziare la sua funzione.

1. I satelliti per il GPS sono solamente 24

Di tutti i satelliti che sono presenti in orbita, solamente una piccolissima parte serve per rendere funzionale una tecnologia che usiamo tutti, il GPS. Questi 24 satelliti circondano la Terra, e sono disposti in modo che ogni dispositivo GPS (tra cui i cellulari e i navigatori) riesca a ricevere ogni momento il segnale di diversi satelliti, almeno nove. Confrontando i segnali in arrivo dai diversi satelliti, in questo modo, il dispositivo può sapere dove ci troviamo. Ci sono poi altri 7 satelliti che sono in orbita ma non sono utilizzati, e hanno unicamente funzione di riserva nel caso uno degli altri si rompa.

FONTE: 10 curiosità interessanti che non conoscevi sui satelliti artificiali!